Rassegna stampa




1997 Complesso di 5 villette bifamiliari - Via S. Quirico Nichelino (TO)



Cogeprim: costruzioni e abitazioni "chiavi in mano"

A Nichelino le villette di San Quirico



È in fase di realizzazione un complesso residenziale di ville circondato dal verde

Clicca per scaricare l'articolo originale (formato pdf) Per molti, cercare casa oggi significa soprattutto pretendere una certa qualità della vita, fatta di comodità, silenzio e natura.
In quest'ottica la Cogeprim sta realizzando nel comune di Nichelino, in via San Quirico, un complesso residenziale a misura d'uomo, composto do cinque ville bifamiliari per undici unità abitative.
Per scelta, la torinese Cogeprim ha voluto investire nella qualità abitativa, operando il più delle volte con interventi di dimensioni ridotte, da 4 a 20 unite, immobiliari. È un modo diverso di concepire l'edilizia, che privilegia palazzine di due o tre piani fuori terra circondate dal verde.
È quanto sta accadendo per la Residenza San Quirico, un elegante complesso posto a poche centinaia di metri dalla collina di Moncalieri. Si tratta di sole cinque ville, con undici unità immobiliari in totale, ognuna circondata da un bel giardino e dotata di tre lati liberi. La costruzione è in paramano con finiture particolarmente curate: serramenti in legno con vetrocamera, portoncino blindato, videocitofono, impianto di riscaldamento autonomo a gas e per la produzione di acqua calda, cucina e soggiorno con pavimento in ceramica, camera da letto in palchetto e scala in marmo.
Ogni unità immobiliare è disposta su due piani più interrato e mansarda. Al piano interrato vi è un box per due auto, tavernetta e cantina. Al piano terreno, ingresso, cucina, servizio igienico e soggiorno. Il primo piano ha soluzioni con una, due o tre camere da letto, uno o due servizi. Poi, collegata da una scala interna, una grande mansarda con due luminosi lucernari.
L'intera zona esterna sarà accuratamente sistemata con piante di pregio. Inoltre, poiché il complesso è ancora in fase di costruzione, possono essere realizzate varianti a richiesta degli acquirenti. Anche i materiali di finitura (piastrelle, palchetti, porte, eccetera) potranno subire le opportune variazioni da parte di ogni acquirente, che potrà così soddisfare i propri gusti ma senza costi aggiuntivi. Il prezzo, allineato a quelli di mercato, è oggi particolarmente conveniente e resta bloccato fino alla stipula dell'atto notarile. Per chi lo desidera, c'è la possibilità di sottoscrivere un mutuo fondiario "San Paolo prima casa", da calibrare alle singole esigenze per l'importo e la durata. La consegna dell'immobile è prevista per la fine del '95, ma, per non lasciarsi sfuggire l'occasione ghiotta di abitare la Residenza San Quirico, bisogna decidersi rapidamente al grande passo: domani potrebbe essere già tardi. Oltre alla Residenza San Quirico, la Cogeprim ha in cantiere un'altra iniziativa nel comune di Collegno, in via Isonzo 17, due isolati dietro corso Francia al confine con Grugliasco. La società torinese infatti opera da molti anni nell'edilizia residenziale del capoluogo piemontese, nei comuni limitrofi e nelle località turistiche della regione. Fa parte di un gruppo, la Soedip Srl, che ha realizzato numerosi interventi, tra cui si possono citare un complesso di 76 alloggi a Sestriere, uno di 65 alloggi a Pragelato, e palazzine a Torino nelle vie Sarpi, Chiesa, Bardonecchia, Catania, Ponchielli, corso Caio Plinio e Lungo Po Antonelli, per citare gli ultimi lavori in ordine di tempo. È in grado di eseguire una costruzione di abitazione civile "chiavi in mano". Dall'acquisto del terreno in poi, ogni fase del lavoro viene eseguita da personale della Cogeprim Sri. Nella progettazione viene curata sia la parte architettonica e distributiva che l'espletamento delle pratiche edilizie e direzione dei lavori . Mentre si seguono le vendite, la costruzione avviene sempre tramite imprese del gruppo. Si provvede, inoltre, anche alla redazione di tutti quegli adempimenti burocratici quali mutui fondiari, pratiche catastali, regolamenti di condominio, tali da consentire di ottenere un immobile perfettamente finito e funzionale, di elevata qualità, ed in regola con tutte le normative vigenti.


La cittadina nel primo hinterland di Torino

Una villa a Nichelino

Più spazio e più tranquillità

Clicca per scaricare l'articolo originale (formato pdf) Acquistare una casa nel centro o semi-centro della città? Oppure è meglio, decisamente, optare per un appartamento in una piccola città, con buoni servizi pubblici, più accessibili, però senza allontanarsi troppo della città, magari giusto a pochi chilometri di distanza. La Cogeprim, società specializzata in edilizia residenziale, comprese le ristrutturazioni, ha operato, e opera, in diverse località: residenze per le vacanze, come quelle costruite a Sestriere e a Ulzio, ma anche condomini e villette a schiera a Torino e nella cintura.
"A Nichelino - spiegano alla Cogeprim - abbiamo costruito undici ville bifamiliari, signorili, con ottime rifiniture, compreso un buon isolamento termico e acustico. Distribuite su tre piani, le villette sono pure dotate di tavernetta, cantina, doppio box. Abbiamo anche provveduto a formulare il regolamento condominiale e a trovare l'amministratore". Una soluzione per chi vuole finalmente vivere in una casa tutta per se, senza troppi limiti di spazio, ciò che in una grande città non è cosi facile, soprattutto per i costi certamente più elevati.
Scegliere un appartamento in una piccola città come Nichelino può presentare diversi vantaggi, tra cui anche quello di un costo della vita più basso.
Cittadina con poco più di sessantamila abitanti, collocate in una zone pianeggiante sulla riva destra del Sangone, Nichelino si trova ad appena nove chilometri da Torino. Città satellite del capoluogo piemontese, località residenziale ma anche industriale, Nichelino è molto ben collegata a Torino, ma anche a Pinerolo, grazie a una buona rete stradale.
Per chi non può fare a meno della città, per chi non ama passare troppo tempo negli spostamenti casa-lavoro, lavoro-casa, le offerte immobiliari a Torino non mancano. L'importante è arrivare al momento giusto, non lasciarsi scappare occasioni che non sempre si presentano due volte. Ad esempio, quando si trova un appartamento nella zona di proprio gradimento, ma non ancora ultimato. In questo caso, in gene- re, si può infatti ancora intervenire nelle disposizioni delle camere, nelle rifiniture, nei materiali (pavimenti di legno o piastrelle? bagni colorati o in tenui colori pastello? Porte laccate o magari scorrevoli?). Questo significa avere una casa personalizzata, dove è più piacevole vivere perché ci si sente maggiormente in armonia con i propri gusti. "Si, questo a possibile - dicono alla Cogeprim - in un condominio nuovo che iniziamo a costruire a settembre in corso Montecucco".


Tutte le offerte di un costruttore: appartamenti e villette ristrutturati

Si va alla conquista della cintura

Occasioni d'oro da Collegno a Nichelino

Clicca per scaricare l'articolo originale (formato pdf) Secondo i dati dell'ultimo censimento, nel corso di un decennio Torino ha perso il 13,8 per cento della popolazione. La ragione? Il progressivo trasferimento della popolazione dal centro cittadino ai Comuni della prima cintura: San Mauro, Collegno, Alpignano, Grugliasco e Nichelino.
"Le ragioni - dicono gli esperti - sono molteplici. Le prime sono naturalmente di ordine economico: è chiaro infatti che i centri fuori porta offrono soluzioni interessanti a prezzi meno elevati. In secondo luogo fuori città c'è più spazio e più verde, e si sa quanto la gente, ormai stressata dalla vita quotidiana in città, sia sensibile a questo genere di argomentazioni. La vita nei paesi della cintura, e particolarmente nei centri residenziali di nuova costruzione, è infatti più "a misura d'uomo", senza peraltro costringere gli abitanti a lunghi trasferimenti o a pesanti sacrifici per l'acquisto dell'appartamento o della villetta a schiera".
Fino agli Anni 80, andavano di moda le ville a schiera, i condomini orizzontali che univano le comodità e la sicurezza della vita condominiale al senso di libertà delle villa unifamiliari, magari con giardino. "Gli acquirenti - dicevano in quel periodo gli operatori del settore - sono in genere famiglie con bambini o coppie di giovani sposi. Non a caso le richieste sono quelle tipiche di questo genere di clientela: cucina, soggiorno, servizi, una o due camere da letto. Tra gli "optional" più richiesti: il box per la macchina, la lavanderia, la tavernetta".
Oggi l'interesse per la prima cintura è rimasto più o meno inalterato, anche se da qualche tempo l'attività dei costruttori si è concentrata sulla ristrutturazione totale di vecchi palazzi. Condomini tradizionali, ma rifatti integralmente con grandissima cura per le rifiniture. Anche se il gusto per la villetta non è certo tramontato.
"Attualmente stiamo lavorando in tre zone della cintura cittadina - dicono alla Cogeprim di Torino - a Collegno, a San Mauro e a Nichelino. In particolare vorremmo spendere qualche parola proprio su Nichelino, un Comune che non è al centro delle attenzioni immobiliari. A torto, specie per quanto riguarda la nostra offerta: villette bifamigliari con giardino e riscaldamento autonomo al confine con Moncalieri".
Le offerte della Cogeprim sono molto interessanti anche per quanto riguarda Collegno (5 appartamenti completamente ristrutturati) e San Mauro.
"Ma, per chi ha bisogno di un piccolo alloggio in montagna - continuano i responsabili della Cogeprim - ci permettiamo di suggerire una nostra offerta a Sauze d'Oulx: diciotto appartamenti ricavati da un vecchio immobile comunale che un tempo era adibito a caserma e che è stato completamente sventrato per lasciar spazio ai nuovi alloggi. Proprio nel centro del paese: una comodità da non perdere per chi ama davvero la montagna".